Comunicato congiunto curva Sud e curva Nord.

Le curve sono cultura, tradizione ed appartenenza di un popolo, amore per la propria terra e per la maglia tramandato di generazione in generazione. Passione che vive in ogni angolo della città, si respira per le sue vie, la senti negli odori, nei sapori, la vedi negli usi e nei costumi.
Le curve sono il tempio degli ultras. Dietro questa parola c’è ben oltre il semplice significato derivante dal latino “Oltre”, “al di là“.
Dietro questa parola, troppe volte discriminata e demonizzata, c’è una scelta di vita: amare e sostenere incondizionatamente la squadra del cuore anche a costo di sacrificare la propria vita. Ed è questo che noi facciamo da sempre e continueremo a fare per sempre, di padre in figlio.
Ci piacerebbe farlo in silenzio, senza “rubare la scena a nessuno”, restando dietro le luci della ribalta continuando a fare quello che più ci piace: custodire la nostra fede per il Catania e per Catania, ma amare qualcosa o qualcuno non ti deve togliere la capacità di pensiero, non può e non deve renderti incapace di intendere e di volere…come a “qualcuno” piacerebbe!
Gli ultras vanno “oltre” e vedono “al di là”. E quando le cose non vanno bene alzano la voce per ricordare ai naviganti che se per loro il Catania è un lavoro, per noi è la nostra ragione di vita,e devono essere attenti e rispettosi! Alziamo la voce anche di fronte l’ennesima vittoria rubata sul filo di lana dopo un’altra prestazione indecente; e non lo facciamo, come “qualcuno” vuole fare credere, nei confronti della maglia. Alziamo la voce verso chi la indossa e la denigra; verso chi, da dietro un microfono e una telecamera, lancia proclami trionfalistici puntualmente disattesi ogni anno per poi spostare l’attenzione diffamando l’unica cosa sana di questo calcio malato: le curve! È giusto mettere in chiaro le cose: NOI SIAMO IL CALCIO CATANIA. Per noi non è un lavoro, non ci siamo perche i risultati ci sorridono, non seguiamo la squadra in relazione alla categoria, non siamo dipendenti del calcio catania. Lo facciamo perche sentiamo di farlo, perche vogliamo farlo, perché è giusto farlo, perché non avrebbe senso la nostra vita se non lo facessimo!
A gran voce chiediamo RISPETTO, perché ciò che noi siamo e che facciamo è una nostra scelta e il tempo che togliamo a famiglia, lavoro, amici e hobbies, lo “investiamo” in qualcosa che è parte di noi, e non vogliamo né allori né riconoscimenti in merito. Ma il rispetto sì, lo pretendiamo, specialmente da “soggetti” che il calcio lo vivono come un lavoro, con un budget e uno stipendio, che oggi si trovano qui, domani altrove, senza pensare piu di tanto al cambio di casacca,(Palermo e Messina docet), ma garantendo solo gli interessi personali e della società con cui hanno un contratto. Per voi è un mestiere, per noi una fede.
Continuate a fare il vostro lavoro, che noi continuiamo a vivere la nostra fede. A queste condizioni in questo clima ostile e denigratorio non abbiamo più intenzione di stare con le mani in mano. Abbiamo le palle piene di parole piene di boria e rancore. Le due curve oggetto di “attenzioni” discutibili hanno deciso di compattarsi e reagire alle roboanti dichiarazioni in conferenza stampa, facendo fronte comune.
Di comune accordo SUD e NORD comunicano che per le gare interne contro Potenza e Juve Stabia non entreranno. Questa decisione è una presa di posizione forte, sofferta ma necessaria per dare un segnale a chi si crede superiore a tutto, a chi si crede in diritto di poter “insegnare” come e con quali modalità, tifare per il NOSTRO Catania. Nostro, sì! Perché noi Ultras noi tifosi, tutti, siamo i custodi della tradizione, della memoria, dell’identità rossazzurra. E questo non si calcola in base ai pacchetti azionari come crede qualcuno. Per reagire a questo signore che si crede un “ultras”, a chi crede di poter fare a meno della spinta prorompente delle curve, a chi nei gradoni vede solamente un’alcova di teppisti senza amore patrio, sbagliato! Nelle curve risiede il vero cuore pulsante e trainante del tifo rossazzurro. La fiumana d’amore per questi colori parte proprio dalle curve, ma evidentemente qualcuno preferisce sparare a zero su di esse.
Per questo staremo fuori, radunandoci assieme Nord e Sud, stando a guardare chi e come si sostituirà ad esse. Gli ultras, i tifosi, sono realmente i “custodi” supremi dell’amore per il CATANIA.
Quindi invitiamo caldamente tutti i componenti della NORD e della SUD, qualsiasi tifoso sentitosi denigrato da quelle dichiarazioni, a lasciare vuoti i gradoni e a radunarsi in piazza Roma domenica alle ore 12:00 per dare dimostrazione forte e decisa sulla vera identità del tifo catanese e prendere le distanze da un surrogato fasullo che ad essa si vuole sostituire”.

Curva Sud e Curva Nord

3 thoughts on “Comunicato congiunto curva Sud e curva Nord.

  1. Complimenti a salvinimaio, concordo su tutto. Aggiungo solo provate a mettervi per un attimo al posto di PLM o Pulvirenti, fossi io, per quanto amo il CATANIA, verrebbe di mollare tutto e dire “arrangiatevi” e poi vediamo se siete felici di una squadra in eccellenza e senza speranza per il futuro !!!

  2. Salve a tutti..io sinceramente non condivido questa presa di posizione degli ultras e tutto questo atteggiamento che si è venuto a creare..io sono tifoso da sempre ed abbonato ormai da più di 20anni che sono quasi un terzo della mia esistenza, ho fatto e faccio trasferte, assuppo acqua, freddo, vento, caldo fino a squagliare, insomma in tutte le stagioni che sia pomeriggio o sera, sono sempre lì…io sinceramente non mi sento toccato dalle parole del direttore, così come quando ricordo una volta in A disse che ormai eravamo tifosi da salotto, ricordo che in tanti si sentirono offesi, ma anche quella volta non mi sentivo toccato in quanto sapevo di non esserlo…fatta questa premessa vorrei dire adesso una cosa. l’ Amministratore delegato di una squadra è un impiegato di una società e come tale se viene licenziato o decide di andare via, è normale che possa andare in un’altra società è quello il suo lavoro, cosa si pretende che va via di qua e si metta a vendere frutta per strada? no, quindi che poi vada al palermo, al messina, alla roma o al crotone fa parte del gioco..(e dico questo perchè sono giorni che vedo le foto di Lo Monaco con la tuta del Palermo, come se fosse stato un oltraggio..ma di cosa??) , un tempo potevamo aspettarci un attaccamento del genere dai presidenti, ma ormai stiamo andando verso una direzione che potrebbe anche capitare che l’attuale presidente dell’inter compri un domani il milan o quello della roma compri la lazio..ormai sono imprenditori che investono nel calcio e quindi non lo fanno mica per senso ti appartenenza alla città ed ai colori..sarebbe stato strano vedere Moratti che vende l’inter e prende il milan questo si..ma ormai quei tempi stanno finendo..io la penso così e quindi domenica sarò regolarmente al mio posto a sostenere la squadra, tra l’altro vorrei capire questa protesta a cosa dovrebbe portare? ammettiamo che Lo Monaco dica, “ok me ne vado” , cosa faranno gli ultras mettono uno di loro al suo posto? oppure comprano la società e la sapranno gestire al meglio? ma dai non scherziamo!!!!! tra l’altro ricordo che prima del Lo Monaco 1 era dai tempi del presidentissimo che il Catania non otteneva dei risultati, lasciano stare quel pazzo di Gaucci il cui merito essendo “folle” è stato quello di lottare nel caso catania..ma dopo lo monaco che cosa e chi c’è stato? che fine abbiamo fatto? siamo non scesi ma precipitati da metà alta classifica in A fino all’anonimato della C perchè prima di Lo Monaco 2 eravamo lì a vivacchiare inutilmente in C, quindi io me lo tengo stretto anche con queste sue sparate perchè senza di lui ricadiamo nell’anonimato fino a chissà quando..poi può sbagliare acquisti ci sta, anche quando arrivarono il primo anno, presero i vari Ferrante, Vugrinec, Walem, Fresi.. e capirono di avere sbagliato correggendo il tiro a gennaio e cambiando totalmente registro la stagione successiva e poi i risultati sono sotto gli occhi di tutti..purtroppo non può avere la bacchetta magica e poi ancora di più in lega Pro, che di pro non ha Pro-prio niente, anzi è una categoria di anticalcio dentro e fuori dal campo. e concludo dicendo una cosa rivolgendomi ancora ai tifosi accaniti contro lo monaco di cui condivido una cosa che ha detto in conferenza stampa, voi dite di essere legati alla maglia, ma la maglia senza una società dietro non va da nessuna parte, e voi cosa fate appena entrate allo stadio? la prima cosa sono tutta una serie di cori contro polizia, verso tifosi che sono stati diffidati o arrestati e sparando una serie di mortaretti, tutto questo secondo voi oltre a delle multe che danneggiano la maglia che dite di amare, a cosa porta???? invece di perdere tempo e soldi con queste cose, perchè allora non li utilizzate per prendere un’avvocato che difenda questi vostri amici e magari ad insegnare a quelli più o meno giovani come ci si comporta? (perchè si può tifare e contestare senza superare i limiti della legalità, voi pensate e purtroppo lo hanno fatto intendere che lo stadio sia una zona franca oltre la legge, ma sveglia non è così!!!!) tra l’altro se sono diffidati o arrestati, qualcosa l’avranno pure fatta non prendiamoci in giro!!!! io che vado allo stadio da una vita in curva in casa e trasferta, tifo o fischio se qualcosa non mi è piaciuta in campo, non mi hanno mai arrestato o diffidato, ci sarà un motivo o no? se uno si comporta bene non succede nulla, e sono stato in trasferte dove ho raggiunto lo stadio anche con tifosi avversari come per esempio a Roma (non proprio una tifoseria amica) e non è successo nulla, e scelgo questo esempio su tutti perchè invece proprio lì ho visto più volte tifosi feriti, mentre invece io arrivavo tranquillamente allo stadio con i tifosi avversari che mi avevano aiutato a prendere l’autobus migliore per arrivare prima ecc..quindi sinceramente prima di fare una protesta (ripeto a che pro??) di questo tipo mi farei un esame di coscienza. spero venga letta anche questa lettera che ho tenuto a scrivere perchè è giusto fare vedere che non c’è una sola campana tra i tifosi, e sono sicuro che come me ce ne sono tantissimi altri che la pensano così e che domenica saranno regolarmente allo stadio.
    un saluto a tutti e FORZA CATANIA!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Domenica "Sciopero" allo stadio dei tifosi delle curve dopo le parole di Lo Monaco

Ven Mar 1 , 2019