Tacopina: “L’obiettivo è riportante il Catania a grandi livelli, in Serie A”

Joe Tacopina, intervenuto ai microfoni di TMW, ha parlato del suo futuro a capo del Catania in attesa di definire il closing con gli attuali proprietari della SIGI. “E’ un progetto eccitante. Catania è una città da Serie A, ha una delle fan bases più importanti del calcio. Il potenziale è altissimo, c’è tutto compreso Torre del Grifo che è il miglior centro sportivo del paese. Il potenziale, ripeto, è incredibile, la combinazione di cose insieme è enorme. Abbiamo un team americano-siciliano e questo è un plus importante e la Sicilia è un posto speciale per tutti noi”.

Lei è il primo presidente ad aver vinto tre campionati di fila in tre categorie diverse
“Mi rende orgoglioso e l’obiettivo è riportare anche il Catania a grandi livelli, in Serie A. Per questo ho preso dei grandissimi professionisti: in C verrà come CEO Giovanni Gardini che è stato a Inter e Lazio, dimostra tutta la fiducia che c’è nel progetto e nella mia visione. Dante Scibilia sarà un financial advisor, è stato il mio dg a Venezia. Poi ci saranno altre persone, come un direttore commerciale che arriverà da una grande squadra. Sarà un team da Serie A e sarà il vestito per la squadra che vogliamo, non per quella che siamo”.

Come ha sempre fatto.
“A Venezia, in D, avevamo un bus, i giocatori in abito… Sembravamo dei marziani, da un altro mondo ma anche questo faceva parte di un mind set vincente”.

Parliamo del progetto sportivo
“Io e Gardini stiamo valutando più cose per la questione del ds ma sono anche in contatto con tanti analisti. Statistiche e analitica significa che puoi identificare i migliori talenti. Sono in contatto con Brentford e Midtjylland, sono un progetto di successo con la stessa proprietà e una filosofia che voglio sposare. Utilizzeremo una piattaforma che analizzerà i giocatori, cercherà di identificare i migliori e i talenti migliori per tornare grandi. Un approccio, appunto, analitico”.

Col closing a che punto siamo?
“Siamo in trattativa. Con quel debito puoi comprare un club di A, è di 60 milioni. Una porzione è di 27 è Torre del Grifo e va bene ma per il resto dei restanti 30 serve ridurre almeno di 15. Anche 15 è tanto come debito ma siamo pronti ad assumercelo. Il team sarà forte, ci sarà un’organizzazione importante e possiamo fargli fronte. Il Catania è uno dei progetti più interessanti tra Italia ed Europa, i tifosi sono spettacolari e non vediamo l’ora di chiudere. Da sicilian-american, tornare nella mother-land è importante per noi”.

Fonte: tuttomercatoweb

Frank_Catania_una _Fede

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Verso Catania-Bisceglie: 21 rossazzurri a disposizione di Gianluca Cristaldi

Mar Dic 1 , 2020