I retroscena di un Catania ad alta tensione.

La tensione covava rovente da giorni ai piedi dell’Etna e il brutto scivolone di Torre del Greco ha fatto eruttare tutti le frizioni delle ultime ore. Alta tensione in casa Catania dove nei giorni scorsi si è consumato uno strappo improntate tra il dirigente di riferimento Maurizio Pellegrino e il tecnico Giuseppe Raffaele. Una divergenza di vedute sfociata in una rottura diventata insanabile dopo i recenti passi falsi rossazzurri. Qualcosa si è guastato tra i due e obiettivi/traguardi di management e staff tecnico non sembrano più collimare. Il silenzio del post Turris-Catania da parte di Raffaele è stato assordante e imposto dal club. A dimostrazione di come delle riflessioni siano tuttora in corso e potrebbero provocare un ribaltone in panchina. A questo punto probabile vista la delegittimazione dell’ex tecnico del Potenza. Tanto che nel tardo pomeriggio di ieri è stato interpellato Francesco Baldini, ex trainer della Primavera della Juventus, che ha dato la sua disponibilità a subentrare. Una soluzione ponte fino a giugno, in attesa del nuovo corso targato Tacopina…

Fonte: Tuttoc.com

Frank_Catania_una _Fede

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Giuseppe Raffaele sollevato dall’incarico di responsabile tecnico della prima squadra

Gio Mar 18 , 2021